POSA... 
ogni pezzo al suo posto

Partiamo...ogni pezzo al suo posto...distinguiamo la posa in opera per metodo di posa e per estetica:                                                                                                                                                     

Metodo:                                                                                                                                                     Posa flottante                                                                                                                                             Posa incollata                                                                                                                                       

Estetica (vedi schema fondo-pagina):                                                                                                   Posa a correre  o alternata                                                                                                                       Posa a correre regolare o alternata regolare                                                                                         Posa parallela                                                                                                                                           Posa a tolda di nave                                                                                                                                 Posa intrecciata                                                                                                                                         Posa a dado                                                                                                                                               Posa a spina di pesce                                                                                                                               Posa a spina ungherese   

E' d'obbligo una breve prefazione per illustrare la differenza tra la posa che veniva effettuata un tempo e quella odierna.  Sono di fatto evidenti le differenze apportate dalla tecnologia in fatto di materiali e adesivi. In particolare ci vorremmo soffermare sulla capacità di poter disporre di formati grandi (plancia, maxiplancia). Il grande formato disegna con ciascuna delle assi il pavimento, a differenza del piccolo, il cui aspetto caratteristico era dato dalla variegatura del legno. Quindi il posatore per eseguire una posa corretta di un grande formato, oltre che a rispettare le regole tecniche, dovrà essere in grado di selezionare e mescolare le singole assi per ottenere una posa armonica e rispettosa dei colori e disegni del pavimento, evitando di posare elementi troppo scuri o chiari, venati e non, nelle posizioni dove potrebbero turbarne l'armonia, posizionandole possibilmente sui bordi laterali meno in vista. Questo tipo di selezione spesso non viene considerata, dando luogo a risultati non soddisfacenti per il cliente. La nostra esperienza ci ha insegnato a valutare bene questo aspetto condizionandone la posa tramite selezioni pre-posa, utili ad evitare la posa accidentale di elementi 'particolari', che se correttamente distribuiti, valorizzano il pavimento, a differenza di una pratica distorta di posare i pezzi 'brutti' sotto il letto o... l'armadio.  

Le operazioni preliminari fondamentali per la posa del parquet sono le seguenti:                             - controllo dell'umidità del supporto tramite igrometro;                                                                         - pulizia del piano di posa asportando croste in particolare sui bordi lungo i muri;                             - aspirazione del piano di posa;                                                                                                               - controllo della planarità delle superfici ed eventuale livellamento;                                                     - controllo della consistenza del massetto ed eventuali interventi di consolidamento per mezzo di    primer o altri consolidanti;                                                                                                                       - controllo dello spessore nei punti di arrivo (soglie o altro tipo di pavimento) e nell'area di                 apertura di porte e portefinestre.                                                                                                         - decisione del verso di posa e squadratura dei locali per ottenere una 'linea' di posa parallela ai     muri dell'immobile.   

La posa flottante consiste nell'appoggiare il pavimento in legno su di un materassino a contatto con la superfice calpestabile sia essa massetto o pavimento esistente. Il materassino deve essere posato incrociato rispetto al senso di posa. A seconda della tipologia di pavimento, le assi che lo compongono vengono unite tra loro. Se il pavimento presenta maschio e femmina, l'incollaggio viene eseguito tra questi ultimi utilizzando della colla vinilica resistente all'umidità (D3). Mano a mano che le assi vengono unite sono mantenute unite tramite del nastro di carta gommata (tipo da carrozziere), fino a che la colla non indurisce. Il tempo di indurimento della colla può variare dai 5 ai 20 minuti a seconda del tipo di colla. Se il pavimento presenta un incastro meccanico (click-clack) non abbisogna di alcun tipo di incollaggio ma viene semplicemente incastrato.                       Un elemento fondamentale nella posa flottante è il materassino interposto tra massetto o vecchio pavimento e il pavimento in legno. Esistono molti modelli di materassini adatti a diverse esigenze e di diversi spessori. Una caratteristica fondamentale che ogni materassino dovrebbe avere, è la barriera antivapore. Uno strato di materiale impermeabile che viene sovrapposto a strisce durante la posa. Alcuni tipi ne prevedono già l'incollaggio tramite del nastro da attivare a sovrapposizione avvenuta, altri prevedono un incastro stagno, altrimenti si esegue la sigillatura tramite nastro del tipo da pacchi in materiale plastico. La funzione della barriera assolve allo smaltimento dell'eventuale vapore e condensa che normalmente si forma per differenza di temperatura tra il fondo e la superfice inferiore del pavimento in legno. Lo smaltimento avviene tramite il calpestio del pavimento che produce una pressione e avvia un'azione di soffiatura che spinge normalmente  verso i bordi le particelle di  vapore mantenedo areato il fondo. Il materassino svolge la funzione di isolamento termico abbassando la trasmittenza dal massetto al pavimento in legno, inoltre è una barriera acustica sia per i rumori che provengono dal basso che per ridurre l'effetto 'ticchettio'. E' molto importante  durante la scelta del pavimento, considerare anche il costo di un buon materassino a seconda delle proprie esigenze, questo valorizzerà il vostro pavimento oltre che la salubrità di chi lo vive.                                                                                                                   La posa flottante richiede una buona planarità delle superfici per evitare che l'incurvamento dovuto agli avvallamenti con il tempo provochi lo scollamento o il distacco tra gli elementi. Se gli avvalli sono lievi è sufficiente livellare con dei pezzi di materassino, altrimenti si ricorrerà ai livellanti cementizi con pre-applicazione di primer.                                                                                  Nel caso di riscaldamento a pavimento sarà neccessario verificare che il pavimento da voi scelto sia idoneo, per il resto non ci sono controindicazioni.                                   

La posa a colla  prevede che il pavimento sia appoggiato e pregnato almeno per una certa percentuale su un letto di colla adeguatamente spalmata con una spatola dosatrice dentata che rilascia sul supporto la giusta quantità di adesivo neccessaria alla pregnazione. Per l'incollaggio sono maggiormente in  uso adesivi di 2 specie: adesivi monocomponenti, adesivi bicomponenti. Sono adesivi monocomponenti l'adesivo poliuretanico igroindurente, l'adesivo silanico, l'adesivo in soluzione alcoolica, l'adesivo polivinilico. Sono adesivi bicomponenti  l'adesivo epossidico, l'adesivo epossidico-poliuretanico, l'adesivo poliuretanico. Ogni uno di questi adesivi presenta delle caratteristiche specifiche che riguardano l'uso indicato dal produttore, i tempi di asciugatura, le temperature d'esercizio, la compatibilità ambientale, le certificazioni per le emissioni. Le colle più usate per incollaggi su qualsiasi fondo anche radiante sono le colle bicomponente epossidiche-poliuretaniche. I maggiori produttori si sono impegnati per fornire adesivi compatibili con la salute del posatore e con bassissime emissioni nel tempo. Prima di acquistare un adesivo per la posa è buona norma visionare la scheda tecnica per controllare gli avvertimenti sulla salute e sull'ambiente e prendere visione delle varie certificazioni. Durante la posa a colla è buona consuetudine areare i locali e tenere pulita la superfice del pavimento da residui di colla, difficilmente rimovibili dopo l'asciugatura.

Le operazioni comuni alle due pose, consistono  nell'assemblare i vari elementi continuando a spingere lateralmente fila dopo fila contro la prima riga che segna la squadra del pavimento la quale sarà stata spessorata a priori al muro per mezzo dei cunei, in modo da rimanere dritta e stabile. Per accostare gli elementi con maschio e femmina esistono utensili diversi, tamponi in plastica da appoggiare e battere al bordo superiore del legno o tramite un martello di gomma (morbida bianca) avendo cura di non 'spigolare' troppo il colpo. Le giunzioni di testa vanno costantemente controllate e unite e affinchè rimangano unite, consigliamo di bloccare almeno da una parte (partenza) tutte le prime teste al muro tramite cunei.  Come in tutte le pose bisognerà lasciare un margine di rispetto lungo i muri e nei pressi degli 'ostacoli' (pilastri...) che nella posa flottante consigliamo di tenere maggiore a quella incollata, prevedendo per tempo l'utilizzo di battiscopa almeno da 13 millimetri. Un' altra accortezza è quella di interrompere la continuità del pavimento tra i diversi locali, in particolare per i flottanti e/o radianti, solitamente sulla soglia delle porte, tramite dei tagli, poi coperti dalle soglie, limitando le dilazioni ad ogni singola stanza, annulando le tensioni capaci di scollare o staccare gli elementi del pavimento in posizioni in vista.

Nella valutazione del metodo di posa bisognerà partire a priori scegliendo una tipologia di pavimento che soddisfi le caratteristiche necessarie alla posa stessa. Ad esempio se partissimo con l'idea di non voler incollare il pavimento e quindi di preferire una posa flottante, dovremo escludere i pavimenti a 2 strati e orientarci su quelli a 3 strati con più o meno spessore. Se anche nella posa flottante non volessimo incollare gli incastri delle assi, sceglieremo un pavimento ad incastro, comunemente chiamato a click-clack. Nella posa flottante dovremo valutare molto bene i valori di umidità presenti nel sito. Infatti i pavimenti con posa flottante 'scaricano' tutte le dilatazioni dovute all'umidità nel legno stesso provocando dei movimenti molto maggiori dei pavimenti incollati, tali normali dilatazioni devono rimanere all'interno delle tolleranze (spazi perimetrali lasciati lungo i bordi, sulle soglie delle porte, attorno agli ostacoli. Es. pilastro). E' quindi sconsigliata la posa flottante se il sito presenta condizioni di umidità persistenti dovute non solo dall'umidità del massetto o del pavimento sottostante, ma ad esempio alla temperatura degli stessi che potrebbe portare alla formazione di condense e umidità. D'altro canto se volessimo isolare acusticamente o termicamente una soletta dovremo privilegiare la posa flottante individuando un materassino idoneo alle nostre esigenze. 

Comparando i due sistemi di posa possiamo definirne dei vantaggi e degli svantaggi:

Posa flottante                                                                    

Svantaggi                                                                                                                                                     - La posa flottante lascia un margine di movimento al pavimento creando un leggero effetto             'fisarmonica';                                                                                                                                           -  Necessità di una stabilità dell'umidità sottostante;                                                                               -  Può richiede la formazione di giunti di dilatazione tra un locale e l'altro (solitamente eseguito           sotto la porta).                                                                                                                        Vantaggi                                                                                                                                                   -  Non richiede l'uso di adesivi sulla superfice di posa, ininfluente la colla per unire i vari pezzi;        -  Permette di ottenere un ulteriore isolamento acustico e termico e di proteggere il legno                  dall'umidità, grazie al materassino;                                                                                                       - Nel caso dei pavimenti click-clack si ha la possibilità di smontare completamente il pavimento          e di riutilizzarlo anche per altri locali, così da non rinunciare mai al pavimento in legno                      (locazione, lavori di ristrutturazione postumi).

Posa incollata                                                                                                                                            Svantaggi                                                                                                                                                 - Necessita la copertura della superficie di posa con adesivi molto resistenti, non completamente     privi di emmissioni (scegliere sempre prodotti certificati! );                                                                   - Nei massetti radianti può richiedere la formazione di giunti di dilatazione tra un locale e l'altro;     - La tenacità del collante ne rende difficile la rimozione o la riparazione.                                               Vantaggi                                                                                                                                                  - Stabilità e dilatazioni ridotte grazie alla tenacità della colla che le assorbe anche in casi limite.                                                                                                                                                                                                                                                                 

ESTETICA DELLE POSE